17 aprile 2018

60mila lavoratori pubblici bresciani da oggi al voto per le nuove RSU

Da oggi, e per tre giorni consecutivi, si voterà in tutte le amministrazioni pubbliche il rinnovo delle RSU, le rappresentanze sindacali unitarie. Nella nostra provincia sono più di 60mila i dipendenti coinvolti: 12.000 i lavoratori nella Sanità6.000 negli Enti locali, 2.000 nelle funzioni statali, parastatali ed enti pubblici non economici; 23.000 nella Scuola; 600 nell’Università. Potranno esprimere la loro preferenza anche i dipendenti con un contratto a tempo determinato.

 

La Cisl Funzione Pubblica ha presentato complessivamente 196 le liste con 477 candidati; 127 quelle presentate dalla Cisl Scuola con 209 candidati; 2 quella di Cisl Università con 5 candidati.

 

IN BALLO C’E’ LA CONTRATTAZIONE DI SECONDO LIVELLO

Alle RSU è assegnato un ruolo fondamentale nella contrattazione di secondo livello: negoziare direttamente nei posti di lavoro resta infatti il metodo migliore per stabilire obiettivi concreti e percorsi condivisi di produttività, qualità dei servizi offerti ai cittadini. Chi andrà a fare parte delle rappresentanze avrà voce in capitolo su premi, carriere e turni (tutti elementi affidati allo stipendio integrativo). Diventano, infatti, operative le regole stabilite con i nuovi contratti.

In Italia i lavoratori pubblici attesi alle urne sono quasi 2,5 milioni.

Share