22 aprile 2017

Richiedei, l’Ast conferma la sperimentazione. Zorzi (Cisl Fp): positivo ma non basta

La stampa locale riferisce oggi di un annuncio sulla Fondazione Richiedei fatto dal direttore generale dell’Agenzia di tutela della salute (ex Asl), Carmelo Scarcella: l’attivazione dal primo luglio – riassorbendo 13 dei 70 lavoratori considerati in esubero – di 20 posti letto sperimentali nell’area delle cure intermedie, con la responsabilità organizzativa in capo al Richiedei e quella clinica ai medici di base.

 

ZORZI (CISL FUNZIONE PUBBLICA), IDEA POSITIVA MA È NECESSARIO FARE DI PIÙ

In realtà non si tratta di una novità, come fa osservare Diego Zorzi, segretario generale della Cisl Funzione pubblica provinciale, visto che l’Ats aveva preannunciato il progetto nella riunione della cabina di regia dello scorso 13 marzo, “ma sicuramente è un segnale positivo”.

“Restiamo ovviamente in attesa della partenza di questa attività, che certo aiuta a trovare soluzioni al problema occupazionale, ma non lo risolve. È necessario fare di più individuando ulteriori soluzioni occupazionali; un Presidio Ospedaliero Territoriale all’interno della struttura, ad esempio, potrebbe veramente imprimere una svolta decisiva in positivo alla vicenda. Da parte nostra per ora restano forti preoccupazioni,ma continueremo a lavorare con tutti gli interlocutori coinvolti per trovare una soluzione positiva per i lavoratori e per la struttura socio sanitaria di Gussago”.

Share