9 maggio 2016

IL CASO NIGUARDA DAL PREFETTO DI MILANO: “garanzie certe per il completo riequilibrio delle carenze di dotazione organica, causate dall’introduzione della nuova turnistica in applicazione del D.lgs 66/03, nel 2016”

2242686-niguardaL’intervento dei Sindacati Confederali (CGIL, CISL e UIL), con la maggioranza qualificata della RSU Niguarda, ha permesso di ottenere NUOVE ASSUNZIONI.
Oggi, 9 maggio 2016, davanti al Prefetto di Milano, il Direttore Generale, onde evitare che il “Caso Niguarda” assumesse proporzioni regionali, ha dovuto definire garanzie certe per il completo riequilibrio delle carenze di dotazione organica, causate dall’introduzione della nuova turnistica in applicazione del D.lgs 66/03:
“NIGUARDA PRIMO in LOMBARDIA” (come già nel  2015)
Dopo i recenti attacchi personali che hanno accusato la Coord. RSU Niguarda
Isa GUARNERI (CGIL) e il Vicecoord. Orazio CONFALONIERI (CISL) di “VENDERSI” ai voleri dell’Amministrazione, oggi cogliamo la totale mancanza di onestà intellettuale ed educazione verso un intervento congiunto e risolutivo, oltre che competente e qualificato, dei Sindacati Confederali (CGIL, CISL e UIL).

La scelta di sospendere l’annunciata Assemblea Generale, vista la convocazione istituzionale prefettizia, criticata e osteggiata con maleducazione solo da chi, non lavorando più tra i colleghi, gira tutto il giorno in azienda pensando che urlando, istigando odio e divisioni, si possano raggiungere risultati, si è rivelata altresì VINCENTE.

CGIL, CISL e UIL oggi vedono dar frutti al proprio onesto lavoro, non attraverso il gioco delle cause legali che arricchiscono solo gli avvocati.

Ricordiamo che non basta solo lavorare tanto, bisogna anche saper lavorare bene !!
UNITI, DAVVERO, SI VINCE SEMPRE

CGIL   CISL    UIL

Leggi il Comunicato Cgil Cisl Uil

Share