13 dicembre 2018

Regione ed enti regionali: sottoscritte le ipotesi di contratto decentrato

Regione LombardiaSi sono conclusi in questi giorni le contrattazioni per i contratti decentrati della giunta regionale e degli enti del sistema (Polis Lombardia ed Ersaf) che riguardano oltre 3000 lavoratori del Comparto Funzioni Locali.

Grande soddisfazione è stata espressa dal coordinatore Cisl FP Nicola Lombardo che ha commentato positivamente il percorso che la Cisl, insieme alle altre organizzazioni sindacali e alle RSU, ha compiuto in questi ultimi due mesi di lavoro.

“In Giunta regionale – ha ricordato Lombardo – abbiamo definito le progressioni orizzontali per il 2018 e normato tutti i nuovi istituti contrattuali delle indennità. È stato inoltre risolto anche il finanziamento della produttività per i 400 dipendenti delle province ormai in servizio da più di due anni. Rimangono da definire i criteri per le progressioni orizzontali dal 2019 che discuteremo a gennaio. Particolarmente importante anche la parte sulle nuove relazioni sindacali e l’organismo paritetico per l’innovazione previsto dal nuovo contratto nazionale. Un grazie particolare a tutto il gruppo dei delegati e degli RSU della Cisl che ha partecipato attivamente a tutte le fasi negoziali”.

“Siamo anche particolarmente soddisfatti – ha proseguito Lombardo- degli esiti della trattativa in Polis Lombardia il nuovo ente regionale nato dalla fusione dei due precedenti enti. L’aggiunta di nuove risorse economiche ha consentito di riavviare il percorso di progressioni orizzontali per il biennio 18/19 rimasto bloccato negli scorsi anni. In aggiunta sono stati concordemente definiti i regolamenti sulla smart working , sul telelavoro e sul part-time”.

“Ma il lavoro non è ancora terminato – ha concluso Lombardo -in questi giorni saremo impegnati in tutti gli enti nella discussione sul nuovo orario di lavoro e sull’utilizzo delle ferie a ore”.

Share

27 novembre 2018

FONDAZIONE MAUGERI: SOTTOSCRITTO L’ACCORDO PER I DIPENDENTI

Accordo Fondazione MaugeriIeri 26 novembre 2018 a Pavia è stata sottoscritta l’intesa tra ICS Maugeri Spa e sindacati CGIL-CISL-UIL, FSI-Usae, Fials Cisal, per il nuovo contratto di lavoro dei 2.600 dipendenti del comparto sanità dei 18 istituti della Fondazione presente in sei regioni italiane (Piemonte, Lombardia, Liguria, Campania, Puglia e Sicilia).

Con questo accordo si interrompe lo stato di agitazione dei lavoratori e si conclude la  fase di conflittualità fra azienda e organizzazioni sindacali, iniziata il 30 giugno scorso con la rottura delle trattative.

L’accordo interessa tutti i lavoratori del comparto, sanitari e amministrativi. Il passaggio al nuovo modello contrattuale della sanità privata non pregiudica alcun diritto acquisito dai lavoratori e permette ai dipendenti di giungere ad una retribuzione tabellare corrispondente a quella prevista dal CCNL Comparto Sanità Pubblica 2016/2018. Previsti assegni in busta paga, una tantum, per importi che variano dai 900 e 1.500 euro per ogni dipendente. I singoli lavoratori, per ricevere tali importi, saranno chiamati a confermare mediante conciliazione individuale, in ciascun istituto, assistita dai sindacati firmatari, la propria adesione all’accordo appena siglato.

Con l’intesa, inoltre, Azienda e OO.SS. si impegnano già all’avvio della contrattazione di secondo livello rispetto alle seguenti tematiche: contributo mensa, permessi, maternità, diritto studio e formazione, malattia, tempistiche di vestizione e salario accessorio.

“Si è superata la fase dell’applicazione contrattuale unilaterale da parte di “ICS S.P.A. Maugeri Benefit” – dichiara Franco Berardi Segretario Generale CISL Funzione Pubblica Lombardia – questo è un primo risultato ma che dovrà essere  accompagnato nei prossimi giorni da una verifica puntuale che riguardi ciascun dipendente in quanto, eventuali errori materiali d’inquadramento individuale potranno essere rettificati. La Cisl Funzione Pubblica con i suoi delegati e dirigenti sindacali conciliatori offrirà assistenza a tutti gli associati. Un vero sindacato di prossimità si realizza quando le persone sono seguite una ad una, come in questo caso. Nessuno sarà lasciato solo.”

Scarica e leggi il Volantino unitario accordo Maugeri

Share

2 agosto 2018

Dirigenza SanitA’ Pubblica – Accordo RAR 2018

RAR 2018 DIRIGENZA SANITA'

Share

19 luglio 2018

DIRIGENZA SANITA’ PUBBLICA FIRMATO ACCORDO RAR 2018

RAR 2018 DIRIGENZA SANITA'Firmato l’accordo sulle Risorse Aggiuntive Regionali per l’anno 2018 anche per il personale della Dirigenza Medica e Veterinaria e della Dirigenza Sanitaria, professionale, tecnica e Amministrativa della Sanità Pubblica .

Le Organizzazioni sindacali della Dirigenza e la Direzione Generale dell’ Assessorato al Welfare di Regione Lombardia hanno sottoscritto la Preintesa nella giornata di ieri, 18 luglio 2018.  L’erogazione delle quote correlata alla formulazione di specifici progetti da definire nell’ambito della contrattazione aziendale, contenenti indicatori riferiti al raggiungimento degli obiettivi. Le Aziende dovranno provvedere alla predisposizione dei  progetti entro e non oltre il 15 settembre 2018 e alla rendicontazione entro il 29 marzo 2019.

Questo il cronoprogramma: erogazione di una quota pari al 60% dell’importo dovuto entro il mese di ottobre 2018, previa verifica a livello aziendale del rispetto della tempistica definita nel crono-programma; erogazione del saldo dell’importo dovuto, previa verifica a livello aziendale del rispetto della tempistica definita nel crono-programma, entro il mese di aprile 2019.

Share

29 giugno 2018

SANITA’ LOMBARDA: LA STABILIZZAZIONE DEL PERSONALE NON E’ PIU’ UN MIRAGGIO!

stabilizzazioni sanità lombardaQuesta mattina è stata sottoscritta l’ intesa regionale sulla stabilizzazione del personale del comparto della sanità tra  FP CGIL, CISL FP e UIL FPL e l’ Assessorato al Welfare di Regione Lombardia.

“Siamo soddisfatti, il tema della stabilizzazione del personale è sempre tra le nostre priorità, questo è il dovuto punto di partenza  - dichiara Franco Berardi Segretario Generale CISL FP Lombardia – ora tutte le aziende non hanno più alibi e devono procedere quanto prima ad attivare i percorsi affinché la stabilizzazione del personale divenga effettiva”.

La contrattazione con Regione proseguirà il prossimo 5 luglio 2018, il prossimo tavolo vertirà su Risorse aggiuntive regionali 2018 e tematiche ancora aperte.

Volantino unitario stabilizzazioni sanità Lombardia

Share

18 gennaio 2018

Fondazione don Gnocchi , vertenza chiusa. Accordo siglato nella notte

protesta davanti al Centro "Spalenza" di Rovato (Bs)

E’ stato raggiunto questa notte l’accordo che chiude la lunga vertenza aperta dalle organizzazioni sindacali del settore con la Fondazione Don Gnocchi, il gruppo socio sanitario che gestisce 29 strutture in Italia (una anche nel bresciano, a Rovato, con 160 dipendenti) con oltre 3.600 posti letto e 5.700 dipendenti.

A siglare l’intesa con la parte datoriale sono state la Cisl Funzione Pubblica, Fp Cgi e Uil Fpl.

“Con l’accordo abbiamo dato finalmente una prima risposta alle lavoratrici e ai lavoratori penalizzati dalle scelte unilaterali della parte datoriale. Si apre adesso un percorso che si realizzerà in due momenti: il primo vedrà l’istituzione di un regime contrattuale condiviso e transitorio per la gestione dei rapporti di lavoro; il secondo, a partire dal 1 gennaio 2020, vedrà la messa a regime di quanto oggi concordato”.

“Di fondamentale importanza – proseguono le organizzazioni sindacali – è il riconoscimento dell’esistenza di due filiere diverse: una socio-assistenziale, alla quale sarà applicato il contratto collettivo nazionale di lavoro ARIS RSA e CDR; l’altra riabilitativa-sanitaria, alla quale sarà applicato il contratto collettivo nazionale di lavoro ARIS Sanità. Abbiamo inoltre ottenuto la quantificazione a 14 minuti a turno come tempo di vestizione e consegna; infine, il riconoscimento di un importo lordo una tantum ai lavoratori assunti prima del 7 dicembre 2015”.

In via sperimentale – conclude la nota sindacale – abbiamo  definiti anche indicatori per la corresponsione di ulteriori premi legati alla produttività che, su richiesta, possono essere convertiti in welfare per lavoratrici, lavoratori e famiglie, e ottenuto l’erogazione di buoni spesa, indipendentemente dal periodo di assunzione, per ciascuno degli anni 2018 e 2019

Share

22 novembre 2017

Riforma sanitaria regionale e presa in carico della cronicità: siglato accordo Regione Sindacati

Sistema sanitarioSottoscritto, nella giornata di ieri 21 novembre 2017, l’accordo tra Assessorato Welfare di Regione Lombardia e organizzazioni sindacali Cgil, Cisl e Uil Lombardia, sindacati dei pensionati, Fp Cgil, Fp Cisl, Uilfpl e Cisl Medici che istituisce la cabina di regia che valuterà l’attuazione della legge di riordino del sistema socio sanitario lombardo e seguirà il processo di attuazione del nuovo modello di presa in carico dei malati cronici. 

Diversi i temi in discussione al tavolo: dall’avvio della cabina di regia e dell’osservatorio sociosanitario, alla qualità delle prestazioni e alla sicurezza delle stesse; la stabilizzazione del precariato, l’ avvio di un percorso continuo e costante di incontri con la Regione; la garanzia dei 35 milioni per la compartecipazione da inserire nelle regole di sistema, la rivisitazione degli attuali SOSIA in base alle nuove evoluzioni di patologie della sfera delle demenze al fine di garantire adeguati standard  assistenziali e di sicurezza della persona presa in carico.

Il quadro economico rappresentato da Regione Lombardia prevede uno squilibro di 140 milioni di euro sul costo del personale per rientrare dell’1,4% rispetto al 2004.

Regione Lombardia si è impegnata ad attivare dei tavoli di confronto continuativi con cadenza bimestrale, come fase di monitoraggio.

Share

17 giugno 2017

ARPA ed AREU LOMBARDIA: FIRMATI GLI ACCORDI SULLE RISORSE AGGIUNTIVE REGIONALI 2017

accordoIl 14 giugno 2017 sono stati sottoscritti con Arpa Lombardia l’ accordo sui fondi contrattuali definitivi per il 2016 e provvisori per il 2017 e l’ intesa in ordine alle Risorse Aggiuntive Regionali e ai Progetti Obiettivo del personale del Comparto di Arpa Lombardia per l’anno 2017 che verranno erogate in due trance: luglio 2017 (60% quota RAR e 50% Progetti obiettivi) e marzo 2018 (40% RAR e 50% Progetti obiettivi). Il 15 giugno 2017 è stata sottoscritta l’intesa RAR 2017 anche per AREU, CUR NUE 112 e COCA. Nell’ accordo è stato inserito inoltre che gli eventuali residui derivanti dall’ applicazione dell’accordo saranno oggetto di comunicazione alle organizzazioni sindacali entro il mese di aprile 2018 e potranno essere portati in incremento delle Risorse Aggiuntive Regionale per l’ anno 2018; il riconoscimento delle RAR anche per il personale in maternità obbligatorio o in congedo parentale e l’ erogazione della quota RAR anche per il personale in comando dalle ASST o ATS. Grande soddisfazione da parte della Cisl FP Lombardia per il risultato ottenuto.

VOLANTINO ACCORDO ARPA VOLANTINO ACCORDO AREU
 VOLANTINO ACCORDO RAR 2017 ARPA  VOLANTINO ACCORDO RAR 2017 AREU

 

Share

16 giugno 2017

GIUNTA REGIONALE: SOTTOSCRITTO L’IPOTESI DI ACCORDO SULLA DESTINAZIONE DEL FONDO 2017: AL VIA ALTRE 673 PROGRESSIONI ECONOMICHE ORIZZONTALI CON DECORRENZA 01/01/2017

regione lombardiaE’ questo il risultato principale della preintesa sottoscritta il 15 giugno tra le Organizzazioni Sindacali, la RSU e l’Amministrazione.

Sale così a 1423 il numero complessivo delle Progressioni Economiche Orizzontali (PEO) per i dipendenti della Giunta Regionale nel biennio 2016/2017 in base all’accordo sottoscritto nel giugno 2016.

Il risultato avvicina già l’obbiettivo minimo dei 2/3 degli aventi diritto (circa 1600) e dà ragione all’azione messa in atto dal nostro Sindacato così come confermata dal mandato dell’Assemblea dei lavoratori e delle lavoratrici.

Ora l’obbiettivo della progressione economica per tutti gli aventi diritto nel triennio si avvicina concretamente e smentisce tutti coloro che non hanno creduto possibile il raggiungimento di questo risultato.

L’ipotesi di accordo sottoscritto prevede inoltre il mantenimento delle quote di produttività e garantisce il pagamento delle indennità per i 12 mesi.

Share

14 aprile 2017

AREU CUR NUE 112: STABILIZZAZIONE DI CIRCA 200 PRECARI

bannerSfondo11E’ terminato con successo l’incontro tenutosi in data 13 aprile 2017 tra AREU e le organizzazioni sindacali FP CGIL, CISL FP e RSU, a  seguito della DGR di Regione Lombardia del 27/03/2017  in ordine al servizio “NUMERO UNICO DI EMERGENZA EUROPEO 112” di Regione Lombardia e relativo alle assunzioni a tempo indetermianto presso AREU.

Le parti hanno convenuto che i tempi determinati presso le CUR del NUE 112 delle centrali di Milano, Varese e Brescia (177 dipendenti)  saranno assunti tramite procedura dei centri per l’impiego e pertanto non saranno avviate procedure concorsuali; grazie alla procedure che saranno attivate da Areu in base all’ art. 16 della L. 56/87  si è cercato di garantire 2 obiettivi essenziali: la ” stabilizzazione” dei tempi determinati in indeterminati evitare iter concorsuali (selezione tramite colloquio) che porterebbero un numero elevato di partecipanti e non la garanzia di stabilizzare i presenti ( tutto l’iter sarà’ esplicitato con successiva comunicazione). Per i SIREG saranno previsti bandi di mobilità’ relativi alla cat. BS.

Le Organizzazioni sindacali esprimono la loro soddisfazione per il risultato ottenuto in sinergia con Areu e rivolgono il loro ringraziamento a tutti gli operatori delle 3 centrali NUE di Milano, Varese e Brescia che con il loro prezioso lavoro tutti i giorni contribuiscono alla crescita del sistema Lombardo.

Leggi il COMUNICATO STAMPA FP CGIL CISL FP AREU 130417 2

Share

RSS Feed Widget
TERRITORI
FORMAZIONE
SERVIZIO CIVILE


ARCHIVIO ARTICOLI: