22 febbraio 2019

SANITà PRIVATA: CGIL CISL UIL, INTERROTTA TRATTATIVA RINNOVO CONTRATTUALE

Sanità PrivataInterrotto il tavolo nazionale di trattativa per il rinnovo del contratto della Sanità Privata, Fp Cgil, Cisl Fp e Uil Fpl  avviano lo stato di agitazione delle lavoratrici e dei lavoratori. Lo hanno annunciato le Organizzazioni sindacali nazionali della Funcione Pubblica di CGIL, CISL e UIL  in una lettera alle controparti Aiop (Associazione italiana ospedalità privata) e Aris (Associazione religiosa istituti socio-sanitari).

Queste le motivazioni delle OO.SS. alla base di questa decisione “A seguito della vostra indisponibilità a garantire le risorse economiche adeguate al rinnovo del ccnl della sanità privata, scaduto ormai da oltre 12 anni, che ci avete rappresentato nell’incontro dello scorso 14 febbraio, comunichiamo l’interruzione del tavolo di trattativa e la proclamazione dello stato di agitazione” ricordando che la situazione ormai persistente da oltre 12 anni, riguarda circa 300 mila lavoratrici e lavoratori.

Le OO.SS. con fermezza chiariscono la loro posizione: “Riservandoci conseguentemente ogni azione sindacale a tutti i livelli, restiamo disponibili alla riapertura del confronto qualora le condizioni subiscano una modifica nella direzione auspicata”.

Fp Cgil, Cisl Fp e Uil Fpl hanno chiesto inoltre un incontro urgente al Presidente della Conferenza delle Regioni, Stefano Bonaccini, sostenendo che: “Come lei sa bene non è più sostenibile una situazione che vede l’erogazione di prestazioni che rientrano nei LEA, fatta a discapito delle professioniste e dei professionisti che quotidianamente operano nelle strutture della sanità privata. Riservandoci conseguentemente ogni azione sindacale a tutti i livelli, le chiediamo un incontro urgente”.

Per un maggiore approfondimento visita www.fp.cisl.it

Share

21 febbraio 2019

IL FUTURO E’ PUBBLICO: SINDACATI IN PRESIDIO A ROMA PER CONTRATTI, OCCUPAZIONE E WELFARE

Presidio FP CGIL -CISL FP - UIL FPL - UIL PA IL FUTURO E' PUBBLICOAnche un delegazione della Cisl Funzione Pubblica Lombardia ha partecipato  all’attivo unitario di Fp Cgil, Cisl Fp, Uil Fpl e Uilpa, svoltosi questa mattina presso la Camera di Commercio di Roma. Continua infatti la mobilitazione promossa dai sindacati nazionali del pubblico impiego di CGIL, CISL e UIL per rivendicare il rinnovo dei contratti, un piano assunzionale straordinario e maggiori risorse per il welfare.

Nel pomeriggio la mobilitazione si è spostata presso la sede dell’Aran che, ad un anno dalla sottoscrizione dei contratti per la Sanità pubblica, le Funzioni Centrali e le Funzioni Locali, non ha ancora provveduto all’avvio delle Commissioni paritetiche per la definizione del nuovo sistema di classificazione del personale.

Le Organizzazioni sindacali ritengono infatti che il ritardo registrato sia inaccettabile visto che  il lavoro delle commissioni paritetiche costituisce un tassello fondamentale per la revisione del sistema di classificazione, necessaria per rispondere alle esigenze ed al disagio delle lavoratrici e dei lavoratori che da troppi anni attendono una revisione dei profili professionali che consenta l’adeguamento degli stessi ai nuovi processi del lavoro.

Una mobilitazione fortemente voluta affinchè sia finalmente e pienamente riconosciuto il valore di chi garantisce quotidianamente i servizi pubblici e per chiedere che venga garantito un futuro al pubblico impiego. E’ prioritario che vengano definiti tempi certi per la definizione del nuovo ordinamento professionale che tenga conto di una nuova e più moderna classificazione professionale.

 Attivo unitario FP CGIL- CISL FP- UIL FPL e UIL PA Roma - IL FUTURO E' PUBBLICO  Locandina IL FUTURO E' PUBBLICO  Presidio FP CGIL -CISL FP - UIL FPL - UIL PA IL FUTURO E' PUBBLICO 3  Presidio FP CGIL -CISL FP - UIL FPL - UIL PA IL FUTURO E' PUBBLICO 2
Share

20 febbraio 2019

ASST DI LECCO: LE OO.SS. SCRIVONO AL DIRETTORE GENERALE PER EVIDENZIARE LO STATO DI DISAGIO DEI LAVORATORI

ASST LECCOLe Segreterie Territoriali CGIL  FP , CISL FP, UIL FP, Nursing Up, Nursind e USB  del territorio lecchese unitamente alla RSU dell’ ASST di Lecco scrivono al Direttore Generale Paolo Favini per evidenziare il forte stato di disagio del personale ospedaliero e territoriale della ASST.

Una gravissima carenza organica non permette la fruizione delle ferie dovute. La copertura dei turni viene assicurata con l’utilizzo di ordini di servizio che vedono i lavoratori costretti a saltare i riposi settimanali. Ferie non godute. Ore di straordinario sono difficilmente recuperabili. Numerose applicazioni delle mobilità interne tra presidi e servizi. Diverse le problematiche riscontrate legate all’applicazione del CCNL 21/5/2018.

Nonostante le OO.SS. già nel mese di febbraio 2018 avessero rappresentato dinanzi al Prefetto di Lecco tali criticità, più volte esplicitate ai tavoli di trattativa,  ancora oggi non si registra alcun cambiamento. Per questo le Organizzazioni Sindacali hanno scelto di chiedere nuovamente alla Direzione un intervento immediato e concreto che fornisca le risposte non ancora ottenute: aumento dei part time,  applicazione dei tempi di conciliazione lavoro famiglia; salvaguardia delle fragilità visto il progressivo invecchiamento della popolazione lavorativa.

Nuova recente problematica è inoltre rappresentata dalla difficoltà di parcheggio dei lavoratori all’interno del presidio cittadino vista l’esiguità dei posti auto, criticità accresciuta con il trasferimento di un numero importante di dipendenti a seguito del passaggio di molti servizi dai presidi territoriali a quello del capoluogo.

Le OO.SS. attendono quindi un rapido riscontro in merito alla disponibilità ad un incontro per affrontare le problematiche evidenziate e si riservano, nel caso entro la settimana non abbiano alcun riscontro, di attivare lo stato di agitazione e mobilitarsi, come già avvenuto nel 2018.

Share

19 febbraio 2019

PERMESSI PER VISITE, TERAPIE, PRESTAZIONI SPECIALISTICHE ED ESAMI DIAGNOSTICI: L’ENTE NON PUO’ NEGARLI!

Volantino CISL FP Lombardia Permessi per visite, terapie, prest. spec. e esami diagnosticiPermessi per visite, terapie, prestazioni specialistiche ed esami diagnostici: l’Ente non può negarli!

COSA DICE IL CCNL?  Ai lavoratori pubblici sono riconosciuti specifici permessi per l’espletamento di visite, terapie, prestazioni specialistiche od esami diagnostici, fruibili su base sia giornaliera che oraria, nella misura massima di 18 ore annuali (l’articolato contrattuale di riferimento riporta i requisiti e le modalità di fruizione). Questo principio è contenuto e disciplinato dai seguenti articoli:  Art.40 CCNL Sanità, Art. 35 CCNL Funzioni Locali, Art. 35 CCNL Funzioni Centrali.

L’Aran riconosce che quando richiesti, in presenza dei presupposti previsti dall’articolato contrattuale, l’Ente non possa rigiutare al dipendente la fruizione di questa tipologia di permessi, anche in presenza di esigenze di servizio. Il dipendente vanta un vero diritto soggettivo alla fruizione dei permessi per cure, controlli e prevenzione sanitaria, proprio per la riconosciuta importanza che hanno queste attività, collegate alla salute stessa della persona. Altre tipologie di permessi fruibili, contenuti nel CCNL, (es. motivi personali o familiari) possono invece riservare all’Ente legittime motivazioni di diniego.

Scarica il volantino Cisl FP Lombardia

 

Share

15 febbraio 2019

ASST SANTI PAOLO E CARLO: DELIBERATO IL PROTOCOLLO SULLE RELAZIONI SINDACALI

firma-protocollo ASST Santi Paolo e CarloNella giornata di ieri, 14 febbraio 2019, è stata deliberata l’intesa sulle relazioni sindacali tra RSU, Organizzazioni Sindacali firmatarie del contratto in vigore e Asst Santi Paolo e Carlo, frutto del tavolo di contrattazione del 31 gennaio 2019.

“Come CISL FP siamo molto soddisfatti – dichiara Laura Olivi Segretario Generale Cisl Funzione Pubblica Milano Metropoli – grazie a un duro lavoro di squadra per la prima volta all’ Asst Santi Paolo e Carlo è stato chiuso il protocollo sulle relazioni sindacali previsto dagli articolati del nuovo CCNL 2016/2017  del comparto sanità”.

“Un risultato fondamentale – presegue Olivi – che consente un confronto corretto e costruttivo rivolto al miglioramento delle condizioni di lavoro e alla crescita professionale del personale garantendo al contempo l’efficacia e l’efficienza dei servizi erogati”.

Testo protocollo relazioni sindacali ASST Santi Paolo e Carlo

 

Share

 VIDEO - Intervento Maurizio Petriccioli ad UnoMattina
facebook        
 rinnovo polizza
 sanitaria
 amministrativi
 Polizze assicurative 2019
 Volantino chiarimenti artt.37 e 40 CCNL Sanità
 Organismo paritetico per l'innovazione
 ticket buoni pasto ccnl san pub
 
 inas cisl il tuo patronato
 lavoro pubblico
 assicurazione
 ICONA CODICE ETICO
 CISL NazionaleCISL Nazionale
 CISL FP NazionaleCISL FP Nazionale
  CISL LombardiaCISL Lombardia
 
RSS Feed Widget
TERRITORI
FORMAZIONE
SERVIZIO CIVILE


ARCHIVIO ARTICOLI: